La prova consiste nel determinare il tempo di lavorabilità delle malte di uso comune e in strato sottile impastate fresche. Il tempo di lavorabilità di un campione di malta fresca, portata inizialmente ad un prefissato valore di consistenza, è misurato in base al tempo in minuti che questa impiega per raggiungere una determinato limite di resistenza alla penetrazione di un’asta normalizzata che è forzata dentro la malta stessa. Gli strumenti necessari per eseguire la prova sono strumento per pesare, stampi o contenitori a perdere, cronometro, asta di penetrazione costituita da un’asta di ottone rotonda avente diametro di circa 5mm e con lunghezza complessiva di circa 65 mm, con la faccia di penetrazione piatta e perpendicolare alla lunghezza dell’asta. Per procedere con la prova è necessario riempire gli stampi con la malta di prova in circa 10 incrementi, riducendo al minimo l’eccesso di malta da rimuovere e battendo lo stampo su un banco di lavoro per quattro volte dopo ogni incremento. Riempito lo stampo, la superficie viene prima rasata utilizzando una spatola e poi livellata rispetto al bordo superiore dello stampo. Gli stampi riempiti vengono conservati in aria alla temperatura di (20±2)°C e ad un’umidità relativa non minore del 95%, all’interno di un sacchetto di polietilene sigillato.
Lo stampo viene posto sulla bilancia sotto l’asta di penetrazione, in modo che la porzione della superficie del campione immediatamente sotto l’asta disti di almeno 20 mm dal bordo dello stampo o da qualsiasi altra precedente penetrazione. Utilizzando la leva sulla colonna per trapano, l’asta di penetrazione viene lentamente abbassata nel campione, fino a quando la rondella libera tocca la superficie.
Dopo aver annotato la lettura sulla bilancia in kg (ed eventualmente corretta tendo conto del peso dello stampo riempito), essa viene divisa per 3 per esprimere la resistenza alla penetrazione in N/mm2. La resistenza alla penetrazione deve essere valutata ad intermittenza o ad intervalli di tempo a secondo del valore di lavorabilità prescritto e dal tipo di malta.
Il tempo di lavorabilità viene calcolato in minuti, al minuto più vicino, necessario ad ottenere una resistenza alla penetrazione di 0,5 N/mm2, interpolando i risultati immediatamente minori o maggiori di tale valore.

 

 

Tipologia materialeNorma di riferimentoMetodo di prova
intonaci di finitura EN 998-1 EN 1015-9
rasanti EN 998-1 EN 1015-9
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0.00 (0 Votes)