Prelevare il campione secondo la UNI EN 21513. Salvo diversa indicazione del fornitore, diluire il campione con 25 su 100 parti in peso di acqua potabile. Applicarlo sul pannello di plastica in un'unica passata mediante lo stendi film. Lasciare essiccare il provino per almeno 7 giorni in ambiente condizionato, secondo la UNI EN 23270. Prima della prova, misurare lo spessore della pellicola secca, con uno dei metodi descritti nella ISO 2808.

Immergere la spazzola dell'apparecchio di lavaggio nella soluzione detergente e lasciarla per una notte. Scuoterla vigorosamente per eliminare l'eccesso di soluzione e successivamente, montarla nell'apposito dispositivo dello strumento.

Fissare il provino nella vaschetta dell'apparecchio, in modo che la spazzola scorra parallelamente al lato più lungo. Bagnare la superficie del provino, versandovi sopra 5 +/- 0,5 cm3 della soluzione detergente. Aprire il rubinetto del recipiente, in modo che la soluzione detergente goccioli sul provino, ad una cadenza di 1 +/- 0,25 ml/min. Azzerare il contatore e mettere in moto l'apparecchio di lavaggio.

Arrestare l'apparecchio di lavaggio, quando il supporto viene messo allo scoperto in una zona del provino, che si estende per 5 cm a sinistra e a destra dell'asse minore centrale del provino stesso. Leggere sul contatore il numero di cicli effettuati. Continuare la prova per un numero di cicli pari al 10% di quello già effettuato, allo scopo di accertare che il supporto non si sia scoperto per cause accidentali o per una irregolarità della pellicola applicata. In caso di distacco accidentale, la prova deve essere ripetuta. Esprimere la resistenza al lavaggio della pittura murale in numero di cicli di lavaggio compiuti dalla spazzola, e rilevati dal contatore dello strumento, nel momento in cui nella zona da considerare risulta visibile il supporto.

Effettuare due determinazioni e fare la media dei risultati. Se la differenza fra i due risultati è superiore al 25% del valore minimo, è necessario effettuare una terza misura su un altro campione dello stesso prodotto ed effettuare la media con quel risultato precedente ottenuto, che differisce per meno di 25% del valore minore fra i due.

Prova di resistenza all’usura per sfregamento provocata da spazzole lasciate scorrere sulla superficie del campione. La prova può essere effettuata ad umido grazie a liquidi di lavaggio (acqua o detersivo) che vengono pompati alle testine delle spazzole da un contenitore rimovibile. La pompa può essere accesa o spenta durante la prova. La valutazione della resistenza allo sfregamento viene effettuata calcolando la perdita di peso dopo almeno 200 cicli.

 

Tipologia materiale Norma di riferimento Metodo di prova
massetti EN 13813
  •  
autolivellanti EN 13813
  •  
pitture/vernici - EN ISO 11998

 

Strumenti utilizzati per effettuare la prova: Abrasimetro ad umido

 

La prova consiste nel valutare il grado di resistenza all'usura del materiale.