Il metodo di prova descritto permette di valutare il valore dalle massa volumica apparente di malte allo stato indurito essiccate. Tale valore viene ottenuto come rapporto tra la massa del campione dopo asciugatura in forno e il volume che occupa quando viene immersa in condizioni di saturazione. Il test viene eseguito su tre provini prismatici di dimensione 40mmx40mmx160mm.
Per eseguire la prova è necessario prima essiccare i provini in forno ad una temperatura di (70±5) °C, fino a raggiungimento di massa costante. Si può considerare che il campione ha raggiunto massa costante, quanto tra due successive pesate, fatte ad intervalli di 2h, non vi è una differenza in massa superiore allo 0.2%. I campioni una volta essiccati vengono pesati e la loro massa deve essere registrata in kg con una precisione di 0.1%. La massa del campione di malta indurita viene indicata con il simbolo ms,dry.
Ciascun campione viene successivamente immerso in acqua alla temperature di (20±2) °C fino a quando non si osservano ulteriori incrementi apparenti della massa entro 15 minuti. Il valore della massa deve essere registrato in kg con la precisione di 0.1%. Esso rappresenta il valore da attribuire al simbolo ms,sat. Effettuata tale misura, si procede con il registrare il valore della massa del campione nella posizione immersa ms,j. Usando la massa del campione saturo di malta indurita ms,sat e la massa apparente del campione di malta indurita saturo immerso in acqua ms,j  si può determinare il volume occupato dal campione. Questo valore viene calcolato mediante il metodo che fa riferimento allo spostamento secondo la formula VS=(ms,sat-ms,j)/ρw, in cui il simbolo ρw indica il peso specifico dell’acqua. Calcolato il volume di ciascun provino si può procedere alla determinazione della massa apparente di ciascun campione mediante il rapporto tra la massa registrata ms,dry e il volume VS. Il valore finale è ottenuto dalla media aritmetica dei tre valori di massa volumica apparente calcolati sui singoli tre provini.

 

Tipologia materiale Norma di riferimento Metodo di prova
intonaci di finitura EN 998-1
  •  
intonaci base gesso EN 13279-1
  •  
massetti EN 13813
  •  
autolivellanti EN 13813
  •  
malte da ripristino EN 1504-3
  •  
fuganti EN 13888
  •  
malte protezione superficiale EN 1504-2
  •  

 

Metodo per determinare l'aderenza tra una malta d'intonaco ed il supporto.