Questo metodo permette di valutare la resistenza del film secco di vernice o prodotto correlato alla fessurazione, quando è sottoposto ad una deformazione causata da un peso cadente in condizioni standard. Lo scopo della prova è quello di determinare l'energia d'urto del peso che cade, causando la prima fessurazione sulla superficie del campione. Nessuna procedura speciale è generalmente necessaria per i prodotti in polvere, ma devono essere registrate le caratteristiche insolite, come il colore anormale, la presenza di grumi grandi o duri, la presenza di corpi estranei, ecc. Generalmente il campione da testare viene ottenuto miscelando la polvere con una soluzione liquida. Il substrato deve essere di calcestruzzo o comunque di materiale rigido, planare, privo di distorsione e di spessore minimo di 0,25 mm. Le dimensioni devono essere tali da consentire la prova da effettuare almeno cinque diverse posizioni non inferiore a 40 mm l'uno dall'altro e non meno di 20 mm dal bordo del pannello. Dopo aver preparato i campioni, questi devono essere maturati ad una temperatura di (23 ± 2) °C e ad un'umidità relativa di (50 ± 5)% per almeno 16 h. Eseguire la prova, assicurandosi che il tubo di guida è verticale. Regolare l'altezza del peso primario nella posizione in cui si prevede che non si verifichi alcuna rottura e bloccare in posizione. Mettere un pannello di prova sul moncone con la faccia rivestito verso l'alto. Tenere il pannello di prova in posizione mediante serraggio del manicotto. Rilasciare il peso e lasciarlo cadere sul pannello di prova. Rimuovere il pannello di prova dall'apparato ed esaminare l'area deformata con l'obiettivo di individuare crepe sul rivestimento e / o delaminazione dal substrato. Se senza crepe e/o delaminazioni evidenti, ripetere la procedura in successione ad altezze più elevate fino a quando si osservano crepe e / o denominazioni. Gli incrementi di altezza devono essere di 25 mm o multipli di 25 mm, andando a registrare l'altezza in cui si osservano incrinature e/o delaminazioni per la prima volta. Se si osservano crepe e/o delaminazioni quando il peso è sceso dall'altezza massima consentita dagli apparecchi, ripetere l'operazione con un peso secondario supplementare, per un totale di 2 , 3 o al massimo 4 kg. Una volta individuato il giusto peso, lasciarlo cadere al pannello di prova cinque volte in posizioni diverse, dall'altezza dove sono state individuate le prime crepe, 25 millimetri superiormente e 25 millimetri inferiori a questa altezza. Segnare come il punto finale della prova, la combinazione di massa / altezza per i quali si ottengono dei valori apprezzabili in termini di crepe o danneggiamento del materiale. I risultati sono espressi come energia di impatto (N * m), conoscendo il peso cadente e l'altezza che determina la rottura o il distacco del campione.

 

Tipologia materiale Norma di riferimento Metodo di prova
massetti EN 13813 EN ISO 6272
autolivellanti EN 13813 EN ISO 6272
fuganti EN 13888
  •  
impermeabilizzanti EN 14891
  •  
pitture/vernici - EN ISO 6272
malte protezione superficiale EN 1504-2 EN ISO 6272

 

Strumenti utilizzati per effettuare la prova: Tester resistenza all'urto

 

Questo metodo permette di valutare la resistenza del film secco di vernice o di prodotto correlato alla fessurazione, quando è sottoposto ad una deformazione.Questo metodo permette di valutare la resistenza del film secco di vernice o di prodotto correlato alla fessurazione, quando è sottoposto ad una deformazione.