Effettuare la prova ad una temperatura di (23 + / - 2) ° C e ad un'umidità relativa di (50 + / - 5)%, salvo diversa indicazione. Rimuovere circa 5 mm a 6 mm di legno dalla punta di ogni matita utilizzando lo speciale temperamatite meccanico, facendo attenzione a lasciare indisturbato il cilindro liscio della mina all'interno della matita. La punta della matita deve essere squadrata, ottenuta tenendo la matita in posizione verticale e spostandola avanti e indietro sulla carta abrasiva, mantenendo un angolo di 90°. Continuare fino a quando si ottiene una sezione circolare liscia, libera da trucioli o scalfitture nei bordi. È necessario ripetere questa procedura ogni volta che si utilizza una matita diversa. Posizionare il pannello rivestito su una superficie orizzontale. Inserire una matita nello strumento di prova e bloccarla in posizione in modo che lo strumento è orizzontale con la punta della matita disposta sulla superficie della pellicola di vernice. Subito dopo che la punta della matita è fermata sul rivestimento, spingere il carrello di prova, nella direzione lontana dall'operatore, ad una velocità di 0,5 mm / s a 1 mm / s per una distanza di almeno 7 mm. Salvo diverso accordo, ispezionare il rivestimento dopo 30s ad occhio nudo per individuare la marcatura. Il danno può essere valutato più facilmente dopo la pulizia di tutti i frammenti di matita dalla superficie della vernice con un panno morbido o un batuffolo di ovatta e un solvente inerte. Se questo è fatto, fare attenzione che il solvente non influisca sulla durezza del rivestimento nell'area di test. Previo accordo tra le parti, può essere utilizzato un microscopio (ingrandimento x6 a x10) per valutare i danni. Se viene utilizzato un microscopio, questo deve essere riportato nel verbale di prova. Se non si è verificata alcuna marcatura, ripetere il test senza sovrapposizione delle aree test, risalendo la scala di durezza fino a che la marcatura si verifica su una distanza di almeno 3 mm. Se si è verificata la marcatura, ripetere il test scendendo lungo la scala di durezza fino a quando il segno non si verifica più. Determinare quale dei difetti è stato prodotto. La durezza della matita più dura, che non segna il rivestimento, è la cosiddetta durezza matita. Previo accordo, la prova può essere eseguita anche per determinare la durezza minima della matita che non provoca una frattura coesiva (la cosiddetta durezza "sgorbia", come definito nella norma ASTM D 3363-92a, Film hardness by test). Se il test viene fatto in questo modo, ciò deve essere riportato nel verbale di prova. Eseguire il test in duplicato, se i due risultati differiscono di più di un'unità di durezza matita, scartarle e ripetere il test.

 

 

Tipologia materialeNorma di riferimentoMetodo di prova
massetti EN 13813
  •  
fuganti EN 1888
  •  
fuganti gesso EN 13963
  •  
pitture/vernici - EN 15184

 

 

 

La prova consiste nel misurare il grado di durezza superficiale di un materiale, attraverso l'impronta lasciata da una matita.La prova consiste nel misurare il grado di durezza superficiale di un materiale.